Home > Comunicati Stampa > Promozione e sviluppo della cultura digitale nella scuola

Promozione e sviluppo della cultura digitale nella scuola

Referente ufficio stampa: Michele Petrocelli (+39) 02 574 627283
Per informazioni scrivere a: ufficiostampa-drlo@istruzione.

Usr Lombardia e Microsoft Corporation firmano un accordo operativo sulla formazione dei dirigenti in ottemperanza alle indicazioni del Piano Nazionale Scuola Digitale.

Comunicato Stampa

Milano, 14 febbraio 2017 

 

Promozione e sviluppo della cultura digitale nella scuola

 

Usr Lombardia e Microsoft Corporation firmano un accordo operativo

sulla formazione dei dirigenti in ottemperanza alle indicazioni

del Piano Nazionale Scuola Digitale.

 

Nell’ambito degli accordi tra il MIUR e Microsoft Corporation per la promozione e lo sviluppo della cultura digitale nella scuola, domani 15 febbraio 2017, alle ore 10,30, presso la Microsoft House di Viale Pasubio, 21 a Milano, in occasione dell’inaugurazione della nuova sede dell’azienda di Redmond, verrà siglato un accordo operativo tra l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia e la società statunitense.

Carattere fondante di questa intesa è di sviluppare un’azione sinergica per sostenere progetti innovativi coerenti con il Piano Nazionale Scuola Digitale, al fine di promuovere lo sviluppo della cultura digitale nella scuola e naturalmente, il rafforzamento nella dirigenza scolastica, delle abilità relative all’uso delle ICT nel management delle risorse.

In questa direzione, Microsoft si impegna a organizzare, a titolo gratuito, un corso di formazione destinato ai dirigenti scolastici su tematiche relative all’ICT nella didattica e nel management delle risorse, competenze digitali, leadership, team building e comunicazione.

Come ha dichiarato il direttore generale dell’Usr Lombardia, Delia Campanelli: “Si tratta di una ulteriore prova che il lavoro della scuola lombarda è sempre proiettato al futuro e si confronta continuamente con quelle che sono le nuove tecnologie e le sfide che queste, quotidianamente, pongono agli operatori del nostro settore”.